I Casinò Online Migliori per l'Italia

Il baro del baccarat 23454

Da quando, qualche anno fa, su internet si sono diffuse le sale da poker online, e in televisione si è iniziato a mandare in onda i principali tornei di Texas Holdem, in Italia ha iniziato a dilagare una vera e propria poker-mania, e personaggi come Gus Hansen, Tony G e Daniel Negreanu, solo per citarne alcuni, sono diventate delle vere e proprie star; tra queste rientra sicuramente Phil Iveya detta degli esperti uno dei migliori giocatori del pianeta, e sicuramente uno di quelli più ricchi, per vincite al tavolo e per contratti pubblicitari. Proprio Phil Ivey, in queste ore, è al centro di una clamorosa vicendache risale a due anni fa, ma i cui dettagli stanno venendo a galla ora. Il truccoche lo stesso Phil Ivey ha ammesso di aver utilizzato, consisteva nel chiedere al croupier di utilizzare un mazzo di carte prodotto dalla ditta Angelcarte che, a quanto pare, presentano sul dorso delle piccole imperfezioni di fabbrica che Ivey col tempo ha imparato a riconoscere e che gli consentivano dunque di sapere cosa ci fosse dall'altro lato. La storia è confermata dalle riprese delle telecamere del Crockford, nelle quali si vede Ivey concentratissimo sulla punta della sedia per vedere ogni dettaglio delle carte, e il suo complice, Cheng Yin Sunchiedere al croupier di girare le carte in un certo modo, con la scusa che si trattasse di un rituale scaramantico. La vicenda sarà presa ora in esame dall' Alta Corte di Londrae sta ovviamente suscitando enorme scalpore negli Stati Uniti, dove addirittura la Cbs ha annunciato, per il 7 ottobre, la messa in onda di un'intervista ad Ivey, nella quale il giocatore spiegherà le sue ragioni.

Video consigliati

Phil Ivey è stato il primo atleta professionista afroamericano a raggiungere l'aria rarefatta dei supercampioni di Texas Hold'em, la versione del poker esplosa in popolarità grazie a televisione e Internet, ammassando, oltre a nove titoli e relativi braccialetti da campione del Mondo, aguzzo a 19 milioni e mila dollari in un anno. Cifre da superstar dello sport. Per il suo aspetto dai tratti eleganti era stato soprannominato dai media il Tiger Woods del gioco e lui, tanto per accludere un altro asso alla propria direzione, preferiva definirsi il Michael Jordan del poker, come l'irraggiungibile gigante del pallacanestro. Gli occhi nel cielo, quelle telecamere nascoste nel soffitto che osservano ciascuno mossa di ogni giocatore a ciascuno tavolo, e gli occhi ancora più diffidenti installati nel volto dei pit boss, i sorveglianti che controllano i tavoli, lo accusano di avere praticato l'edge sorting, di avere imparato a leggere il dorso della carte da un difetto impercettibile di fabbricazione.

Articoli correlati

Robby il robot Robby the Robot è un robot immaginario, protagonista del pellicola Il pianeta proibito The Forbidden Planet, e di svariate altre opere, allegato un sequel e molteplici episodi di serie televisive. Nel 79 viene affitata dai Costa e comprata nel Nel viene posta in vendita dopo un importante Da lí in poi passa per tanti armatori cambiando tante volte di nome. Nel la Costa Crociere montava e smontava i primi Casinó sulle navi da crociera che epoca formato da un solo tavolo di Roulette e uno di Black Jack. I giocatori devono disporsi intorno a una superficie orizzontale, normalmente un tavolo, su cui poter posare le carte. Il mazzo consiste in un album confitto di pezzi di cartoncino impresso detti carte.

Leave a Reply